Oggi è mar 14 ago, 2018 10:08 pm

Tutti gli orari sono UTC+02:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  1 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Moto e auto elettriche
MessaggioInviato: lun 09 nov, 2009 8:22 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Che ne dite se parlassimo un po' seriamente (senza tanti proclami e comizi da bimbominkia) di auto e moto elettriche? E dei progressi che han fatto e che faranno?

Comincio io:
ecco la Baker elettrica del 1909

Immagine
questo é l' esemplare di proprietá di Jay Leno

Immagine

che usa ancora le originali batterie alkaline Edison da 6V

Immagine

e tuttora ci va tranquillamente a spasso, alla velocitá di 20-25 miglia orarie, con una autonomia di 110 miglia

Immagine



THE new hybrid Ford Escape taxis scuttling around New York City give their occupants an aura of environmental superiority. But as far as clean electric-powered cars are concerned, these high-mileage hybrids are actually a bit behind the times.

About 100 years behind.

Starting in 1914, the Detroit Taxicab and Transfer Company built and operated a fleet of nearly 100 electric cabs. Customers would often wait for a smoother, cleaner, more tasteful electric cab, even when a gas-powered cab was already on station.

At the turn of the 20th century, quiet, smooth, pollution-free electric cars were a common sight on the streets of major American cities. Women especially favored them over steam- and gasoline-powered cars.

In an era in which gasoline-powered automobiles were noisy, smelly, greasy and problematic to start, electric cars, like Jay Leno’s restored 1909 Baker Electric Coupe, represented a form of women’s liberation. Well-dressed society women could simply drive to lunch, to shop, or to visit friends without fear of soiling their gloves, mussing their hair or setting their dresses on fire.

These were women’s shopping cars,” said Mr. Leno, who is a serious hands-on collector of autos and motorcycles dating from the 1800s to the present. “There was no gas or oil, no fire, no explosions — you just sort of got in and you went. There were thousands of these in New York, from about 1905 to 1915. There were charging stations all over town, so ladies could recharge their cars while they were in the stores.

Baker Electrics, Detroit Electrics, Rausch & Langs and other similar electric cars were comparatively reliable and easy to drive. Even the wives of legendary car company owners drove electrics.

Clara Ford, Henry’s wife, drove a 1914 Detroit Electric Brougham until the 1930s, using it to visit friends and make her rounds on the family’s Michigan estate. Helen Joy, wife of Henry Joy, president of the Packard Motor Car Company, drove a 1915 Detroit Electric.

Mr. Leno’s Baker stands — and stands is the correct word — more than 7 feet tall. “It looks like a giant phone booth,” he said. Twelve 6-volt batteries are under the front and rear covers, six under each, to power the car’s 72-volt motor.

This particular Baker was originally equipped with Edison alkaline batteries. Baker customers had the option of these or more common lead-acid batteries.

The Edison batteries were the result of a research program the inventor conducted at the turn of the century to create lighter, more powerful batteries that would extend the range and speed of electric cars, just as inventors are trying to do today.

Instead of the lead plates and sulfuric acid used in batteries from the mid-19th century on, the Edison batteries used iron and nickelic oxide electrodes, and an alkaline electrolyte of potassium hydroxide. Early tests were promising, but the first production batteries were prone to leaking and electrode failure. Edison closed the factory in 1905 and reworked the batteries, finally resuming production four years later. The effort was obviously effective.

I have modern lead-acid batteries in the car now, but I can still run the original Edison batteries,” Mr. Leno said. “You can just rinse them out, replace the electrolyte, and they’re ready to go. They still work fine, after almost a hundred years.

The car’s electric motor, about the size of a watermelon, is visible under the car, driving the rear wheels via an enclosed-chain reduction system and a now-conventional driveshaft and differential.

Since we restored it, I haven’t had to do much of anything to maintain it,” Mr. Leno said. “We just keep it charged up, grease it now and then, and drive it.

I drive it from the garage up into the Hollywood Hills every year to see the Christmas lights,” he said. “The deer come right up to it and look inside. Because there’s no noise, no vibration, no gasoline smell, they’re completely unafraid.

It’ll go for about four or five hours on a single charge, at about 20 to 25 miles an hour. Its range is about 110 miles, just about what most electric cars made these days will do. So we really haven’t come very far in a hundred years.

It’s pretty fun to drive, actually — if you’re not in a hurry, that is,” he said. “Women love it.

One does not so much enter the Baker as climb it. Once inside, it’s apparent that the designers were less intent on building a vehicle than they were in creating an ornate mobile parlor. Every surface is covered in expensive fabric or carpet, and the doors have braided cords, tassels and embroidered straps. Plump button-tucked bench seats, front and rear, face each other, as they would in the booth of a Victorian tea room. The driver sits on the left of the rear bench. If there are passengers in the front seat, the driver has to look around them to steer.

Which is not as much of a problem as one might expect, given the Baker’s lofty driving position and modest top speed of 25 miles an hour.

There is no steering wheel. At first glance there are few indications that the Baker was meant to be driven at all. A long steering tiller folds down from the left once the driver is seated; the driver pushes forward to steer left and pulls back to go right.

Speed is controlled by a lever just forward of the driver’s left elbow, and there are two brake pedals protruding from the carpet, one for each rear wheel.

On the road, the tall cabin tilts on its springs in corners, giving the sensation of driving a rubber-mounted lifeguard tower. “As you can see, we’ve come a long way in aerodynamics since 1909,” Mr. Leno said. “All the windows — the sides, the rear and the windshield — can be opened up, so you can get a nice breeze running through.”

Driving a car this rare — and this tall — makes its limited speed less of a problem in modern city traffic. Drivers of other vehicles inevitably slow to check out the Baker anyway.

Restoring an early electric requires some ingenuity. Electric motors haven’t changed much in the nearly 200 years since they were invented, so a shop that can rebuild an antique ceiling fan should be able to rewind the armature of an electric motor. Modern deep-cycle batteries, like those used in golf carts, electric boats and neighborhood electric vehicles, can be readily substituted for the originals.

Relatively few electric cars have survived, and their appeal is more that of an oddity or museum piece than that of a better-known classic automobile. So their prices have remained reasonable. According to the Web site of the Gold Book, which is published by Manheim Auctions and tracks prices paid at collector-car auctions, a well-maintained 1915 Baker, a very similar Rauch & Lang, or a Detroit Electric should sell for $9,000 to $20,000, depending on its condition.

Collectors are often attracted to the cars owned by their fathers. With one of these electrics, they can drive a machine that might have been driven by their great-grandmothers.

slideshow: http://www.nytimes.com/slideshow/2007/08/03/automobiles/20070805BAKER_index.html

:loziotazio:

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio: Tesla Roadster
MessaggioInviato: lun 09 nov, 2009 5:38 pm 
Non connesso
bip

Iscritto il: mer 05 nov, 2008 11:56 pm
Messaggi: 201
La più performante fra quelle attualmente in commercio

Immagine

Da Wikipedia:

Specifiche tecniche e sviluppo

Si tratta di un'autovettura roadster, ovverosia un'automobile sportiva a due posti, munita di un motore elettrico asincrono trifase con trasmissione monomarcia BorgWarner a coppia continua funzionante a 14.000 giri al minuto a massimo carico, capace di raggiungere una velocità massima di più di 200 km/h (limitata elettronicamente) e di sviluppare una accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi. Il computer di bordo permette di scegliere tra cinque modalità operative - Maximum Performance, Maximum Range, Standard, Storage, Valet - e governa il sistema di ricarica delle batterie agli ioni di litio in dotazione. Queste batterie forniscono all'auto elettrica un'autonomia fino a 392 kilometri (del tutto simile a quella delle normali auto a benzina) e la loro ricarica completa, attraverso le apposite colonnine di rifornimento, dura circa tre ore e mezzo, mentre per una ricarica all'ottanta per cento sono sufficienti due ore circa. L'eventuale ricarica attraverso il normale impianto elettrico di casa necessita invece di 10/15 ore. La Tesla Roadster è una delle prime automobili a montare freni a rigenerazione elettrica, i quali presentano forti punti di contatto con il sistema frenante dello scooter elettrico Vectrix. La carrozzeria in fibra di carbonio è stata realizzata in collaborazione con la Lotus Cars e si notano le somiglianze con il design della Lotus Elise seconda serie.

Il progetto è stato in cantiere per più di cinque anni per poi essere ufficialmente presentato come prototipo il 19 giugno 2006. Le versioni successive sono state quindi esposte durante i più importanti saloni automobilistici internazionali. L'avvio della produzione è avvenuto nel Febbraio 2008.

Sport Model 2009
La Sport Model 2009 è la versione più sportiva della Tesla Roadster. Rispetto al primo modello sono state migliorate le prestazioni grazie a interventi tecnici finalizzati ad incrementare la potenza di torsione della coppia del 15%, quindi arrivando ai 288 CV contro i 248 CV della versione precedente. Inoltre la Sport Model 2009 ha subìto miglioramenti alle sospensioni, ora regolabili in base alle preferenze del guidatore, è fornita di pneumatici Yokohama ed è in grado di raggiungere i 100 km/h da ferma in 3,7 secondi, migliorando di 2 decimi di secondo il tempo ottenuto dal modello standard.[/quote][/b]


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 20 nov, 2009 5:11 pm 
Non connesso
Tennico del Bar

Iscritto il: ven 31 ago, 2007 1:22 pm
Messaggi: 521
Località: Emilia terra dei mutòr
MOL ha scritto:

Nasce il Campionato Internazionale delle elettriche
di Riccardo Matesic
La Federmoto Internazionale lancia un nuovo challenge riservato alle moto elettriche. Sullo sfondo c'è l'esigenza di cercare nuovi sbocchi per lo sport motoristico

Si chiamerà FIM e-Power International Championship, nascerà nel 2010 e sarà il primo campionato internazionale per moto elettriche. Lo ha voluto la FIM, la Federazione Motociclistica Internazionale, che si sta guardando intorno per preparare il futuro dello sport motociclistico e per promuovere l'uso di energie alternative. Per il momento il calendario provvisorio si articola su quattro date, in concomitanza con altrettante prove del Mondiale Endurance, ma presto potrebbero arrivare nuovi appuntamenti. Quello della FIM è infatti un nuovo challenge ancora in divenire, che si sta mettendo a punto sulla scia del successo del TTX GP (www.egrandprix.com), corso quest'anno all'Isola di Man nei giorni precedenti il TT vero e proprio. Per la cronaca a Man ha vinto la AGNI X01 (www.teamagni.com), chiudendo il giro del Mountain alla media di 87 miglia orarie (circa 122 Km/h)!
"Speriamo di raccogliere molti team intorno a questo progetto - ha detto il presidente FIM, Vito Ippolito -, in preparazione del futuro del nostro sport".
E a sentire Claude Danis, presidente della CCR, la Commissione Corse su Strada, il successo sembrerebbe assicurato: "abbiamo già riscontrato l'interesse di molti organizzatori, consci dell'importanza del tema ambientale".
Nelle prossime settimane verranno forniti maggiori dettagli e comunicate nuove date per il calendario. Nel frattempo, per informazioni si può scrivere a paul.duparc@fim.ch o ad alex.goldemberg@fim.ch.

Questo il calendario provvisorio:
- 18/4 Francia Le Mans (in concomitanza con la 24 Ore)
- tba* Spagna Albacete (in concomitanza con la 8 Ore)
- 12/9 Francia Magny-Cours (in concomitanza con il Bol D'Or)
- 14/11** Qatar Doha (in concomitanza con la 8 Ore)

*tba - data da annunciare
** data da confermare



Thomas Betti in sella alla Bettimoto Torpedine una moto elettrica costruita in proprio assieme al padre:

Immagine http://www.bettimoto.com/ita/index.asp

Bella è bella, un girettino ce lo farei... :D
Poi però tornerei alla mia, anzi potendo tornerei alla moto dei miei sogni da adolescente:

Immagine
:ola:

_________________
"La tecnica non conta. Io mi occupo di emozioni"
Jimmy Page


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 21 nov, 2009 6:20 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Le prestazioni e soprattutto i pesi non sono molto entusiasmanti, ma un giretto ce lo farei volentieri ... chissá che in futuro non si riesca a trovare il modo di abbassare un po' il peso, sarebbe un bel progresso

i dati di alcune di queste moto ( http://www.egrandprix.com/teams.php?series=1 )

Mission One
0–60mph: 3.5 seconds
Top Speed: 150mph
Range: 150miles @ 30mph
Weight: 236kg
Immagine
quello sotto é l' esemplare che ha corso all' isola di man
Immagine
Immagine
Immagine



E1pc
0–60mph: 3.5 seconds
Top Speed: 150mph+
Range: 150miles @ 60mph
Weight: 215kg
Immagine


R01
0–60mph: tbc
Top Speed: 110mph
Range: 50miles
Weight: 220kg
Immagine


Imperial TTXGP
0–60mph: 4 seconds
Top Speed: 100mph
Range: 150miles @ 40mph
Weight: 290kg
Immagine


Enertia
0–60mph: tbc
Top Speed: 100mph+
Range: 38 miles+
Weight: 163kg
Immagine


AGNI X01
0–60mph: 6 seconds
Top Speed: 120 mph
Range: 50miles @ 110mph
Weight: 250kg
Immagine


TGM-RT
0–60mph: tbc
Top Speed: 87mph
Range: 40miles @ 60mph
Weight: 190kg
Immagine


Barecati 100AC
0–60mph: 6 seconds
Top Speed: 100mph
Range: 50miles
Weight: 250kg
Immagine


Xstromer
0–60mph: 5 seconds
Top Speed: 125mph
Range: 40miles
Weight: 260kg
Immagine


EVO-R
0–60mph: tbc
Top Speed: 150mph+
Range: 38 miles
Weight: 140kg
Immagine


R144
0–60mph: tbc
Top Speed: 110mph
Range: 42 miles
Weight: 140kg
Immagine


BX-09
0–60mph: 4 seconds
Top Speed: 100mph+
Range: 37.733 miles
Weight: 220kg
Immagine

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 21 nov, 2009 6:44 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Cita:
Per la cronaca a Man ha vinto la AGNI X01 (www.teamagni.com), chiudendo il giro del Mountain alla media di 87 miglia orarie (circa 122 Km/h)!


se consideriamo che nel 2004 le Ultralightweight (125 2T) e le Lightweight (400 4T), classi abolite a partire dal 2005, giravano a circa 110mph ([url]http://www.ttsupportersitaly.com/gara%20lunedì.htm[/url]) bisogna ammettere che non manca poi molto prima che le migliori moto elettriche raggiungano le prestazioni di una Honda 125 privata,
credo che a moto come la Mission One basterebbe una robusta dieta dimagrante ...
... il problema é che attualmente le moto elettriche pesanti meno di due quintali sembrano avere poca velocitá di punta e/o scarsa autonomia

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 21 nov, 2009 12:34 pm 
Non connesso
Tennico del Bar

Iscritto il: ven 31 ago, 2007 1:22 pm
Messaggi: 521
Località: Emilia terra dei mutòr
Grazie per la carrellata Zio!
Ohi, ce ne sono delle carine e altre davvero troppo imponenti :-o
Ma d'altro canto se si vuole della potenza ci vorranno batterie più grosse!

There's nothing better than:

Immagine

:funnypost:

_________________
"La tecnica non conta. Io mi occupo di emozioni"

Jimmy Page


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 21 nov, 2009 7:21 pm 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Josafatte ha scritto:
Grazie per la carrellata Zio!
Ohi, ce ne sono delle carine e altre davvero troppo imponenti :-o
Ma d'altro canto se si vuole della potenza ci vorranno batterie più grosse!

There's nothing better than:

Immagine

:funnypost:


Immagine :-D

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun 23 nov, 2009 8:54 am 
Non connesso
Colonnello Bernacchia
Avatar utente

Iscritto il: gio 09 set, 2004 11:36 am
Messaggi: 25160
Località: Colline di FI
:-o IDEA !!!! :-o

Potrebbero eliminarle del tutto le batterie, installando degli adeguati pantografi sulle moto e facendo qualche piccola modifica ai circuiti ...

Immagine

Così abbiamo risolto il problema del peso! :cincin: :cincin: :cincin:

Altri problemi? :-o

_________________
METEOROLOGO E CONSULENTE CINOFILO

ImmagineImmagine


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun 23 nov, 2009 9:35 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Older ha scritto:
:-o IDEA !!!! :-o

Potrebbero eliminarle del tutto le batterie, installando degli adeguati pantografi sulle moto e facendo qualche piccola modifica ai circuiti ...

Immagine

Così abbiamo risolto il problema del peso! :cincin: :cincin: :cincin:

Altri problemi? :-o


tipo luna park! :eureka:

Immagine

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun 23 nov, 2009 10:00 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Immagine


Il nuovo record mondiale di velocità per moto elettriche è dell’americana Lightning Motorcycles.
Il record della moto elettrica più veloce al mondo si è tenuto nel consueto lago salato nello Utah

Poco più di un mese fa la Mission Motor aveva ottenuto il nuovo record con la Mission One con la considerevole velocità di 161 miglia orarie (259 chilometri orari), ora il nuovo record appartiene alla Lightning Motorcycles che con il suo nuovo prototipo, per altro ancora non in lavorazione, ha raggiunto la fantastica velocità di 166,388 miglia orarie (ovvero 267,776 km/h)

http://www.nextmoto.it/articolo/la-lightning-motorcycles-batte-la-mission-motor/4547/

Immagine

:x :clap: :cla:







P.S.:
267 all' ora ... mica male ...
questa velocitá mi fa ripensare alla Indian Scout del 1920 di Burt Munro ...

Immagine

.... con la quale l' allora 63enne nuovazelandese raggiunse nel 1962 a Bonneville la velocitá di 178.971mph, pari a 288,0 km/h
vedasi certificato ufficiale:

Immagine



Immagine



nel 63 Munro ruppe una biella mentre stava viaggiando a 313,8kmh ... nel 1967 ottene il record di classe (cilindrata inferiore a 1000cc) alla velocità di 295,5 km/h, e in qualifica venne cronometrato a 305,9 km/h, la velocità ufficiale più alta mai registrata con una motocicletta Indian. In un intervista pubblicata nel 1973 Burt disse : "Nel 1967 nel lago, stavo andando come una bomba quando la moto cominciò ad ondeggiare paurosamente; per rallentarla mi alzai ed il vento mi portò via gli occhiali: la pressione dell'aria mi spinse gli occhi dentro la testa.. non vedevo niente. Ero così lontano dalla linea nera di riferimento che dovetti buttare giù la moto per fermarla...". Burt stava viaggiando oltre i 330 km/h e aveva 68 anni.










sapere che oggi, anno di grazia 2009, ci son moto elettriche in grado di raggiungere velocitá non troppo inferiori a quelle di accrocchi artigianali basati su reliquie motociclistiche degli anni venti, mi riempie il cuore di trepida speranza di poter forse riuscire ad arrivare un dí, prima di esser chiamato per incontrarmi coi miei onorevoli antenati, a vedere moto elettriche sfrecciar silenziose e veloci in barba alle rumorose e puzzolenti moto a ciclo otto ... sic transit gloria mundi

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun 23 nov, 2009 10:43 am 
Non connesso
Anonimo Varesotto
Avatar utente

Iscritto il: mar 15 mar, 2005 3:44 pm
Messaggi: 4786
Località: Cassano Magnago City, vicino a casa di Fary
Immagine

Non so se tutto corrisponda fedelmente alla realtà, ma bel film. :cincin:
L'avete visto?

_________________
"Un giorno anche la guerra si inchinerà al suono di una chitarra" Jim Morrison


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 24 nov, 2009 1:30 am 
Non connesso
chesadafapecampà!
Avatar utente

Iscritto il: dom 29 ago, 2004 1:00 am
Messaggi: 53555
Località: Copacabana, dove la donna è regina la donna è sovrana
Davidz ha scritto:
Immagine

Non so se tutto corrisponda fedelmente alla realtà, ma bel film. :cincin:
L'avete visto?

si, grande film, e mi é sembrato parecchio fedele alla realtá

_________________
Lo Zio Tazio
Immagine
"Io vi daró tutto ... basta che non domandiate nulla!"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 08 gen, 2010 2:08 pm 
Non connesso
Colonnello Bernacchia
Avatar utente

Iscritto il: gio 09 set, 2004 11:36 am
Messaggi: 25160
Località: Colline di FI
Elettromoto: Roehr ESuperbike

Anche il costruttore americano di supersportive prende la scossa e si butta sull’elettrico. Dopo la Superbike con compressore, realizzerà una moto per correre il TTX GP negli USA

SEMPRE PIÙ ELETTRICHE Volenti o nolenti, di moto elettriche si parlerà sempre più spesso. Il campionato TTX GP (che è un mondiale, ma declinato in tanti campionati nazionali) ha avuto un effetto quasi dirompente, tanto che non sbaglieremo di molto ad affermare che gli iscritti al campionato "zero emission" saranno molti di più degli iscritti alla MotoGP.


INVESTIMENTO PER IL FUTURO E questo, se vogliamo, è anche un bene, perché le competizioni aguzzano l’ingegno e migliorano le tecnologie e se probabilmente ci vorranno molti anni prima di guidare per strada una superbike elettrica (anche se la Mission One è teoricamente in vendita), le nuove tecnologie per la realizzazione di batterie sempre più performanti (e leggere) e di gestioni dell’energia sempre più sofisticate potranno poi avere un effetto molto positivo anche su mezzi destinati alla mobilità urbana a emissioni zero.

QUESTO NOME NON MI È NUOVO Della Roehr a scoppio abbiamo parlato tempo fa. Walter Roehric l’ha creata partendo da un motore V-Rod debitamente potenziato fino a 180 cv grazie all’utilizzo di un compressore volumetrico, soluzione senza dubbio molto americana per "tirar su" la potenza di un motore. Adesso il costruttore americano vuole debuttare anche nel mondo della trazione elettrica. Di questa moto non si hanno ancora immagini, in compenso si conoscono già le prestazioni che erogheranno le due versioni disponibili.

SUPERBIKE PER CORRERE Per la ESuperbike (il modello destinato alle competizioni) è prevista una potenza di 96 cv con una coppia di 284,4 Nm. Prestazioni assicurate da un motore a induzione di ultima generazione e da un pacco batterie al litio-fosfato di ferro da 10 kW. La ESuperbike sarà naturalmente dotata del meglio della componentistica per quel che riguarda la ciclistica.

SUPERSPORT PER LA STRADA Meno performante il modello stradale battezzato ESupersport e capace di 48 cv e una coppia di 142,2 Nm (in pratica la stessa di una Ducati 1098 R), il pacco di batterie in questo caso è da 6 kW e la velocità massima si aggirerebbe attorno ai 160 km/h.

Secondo Roehric, la serie ERoehr diventerà un’intera gamma di motociclette da affiancare alla gamma "tradizionali" con motore a combustione interna. Il mondo delle due ruote, piaccia o non piaccia, appare sempre più orientato verso l’elettrico

tratto da http://www.motorbox.com/Moto/Magazine/Anteprima/RoehrESuperbike_anteprima.html

_________________
METEOROLOGO E CONSULENTE CINOFILO

ImmagineImmagine


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 12 gen, 2010 4:22 pm 
Non connesso
Uorld Cempion 2011
Avatar utente

Iscritto il: mar 15 mar, 2005 3:54 pm
Messaggi: 2451
WLM: LeleAlbo@hotmail.com
Località: Ancona - Falconara M.ma
Imho il futuro è questo, non appena si risolverà lo spinoso problema dello stoccaggio dell'idrogeno.

Immagine

http://www.quattroruote.it/News/articolo.cfm?codice=62978

http://www.quattroruote.it/auto_novita/articolo.cfm?codice=140169

http://it.wikipedia.org/wiki/Honda_FCX

Sono già circolanti e funzionanti, vedi puntata di Top Gear con James May

http://videos.streetfire.net/video/197-Top-Gear-Honda-FCX_206572.htm


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 12 gen, 2010 5:23 pm 
Non connesso
Mr. Beer
Avatar utente

Iscritto il: lun 06 set, 2004 11:27 am
Messaggi: 19541
Località: Eifel
bmw ha anche un motore ad Idrogeno

_________________
Semplicemente la pista piu' bella del mondo


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  1 2

Tutti gli orari sono UTC+02:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net

aggiungi foto motomondiale su igoogle
aggiungi foto PitGirls su igoogle